CAMPAGNA DI PREVENZIONE DEI TUMORI CUTANEI

By: | Tags: | Comments: 0 | Febbraio 1st, 2019

Cosa sono i tumori cutanei?

I tumori della pelle sono in netto aumento. La loro incidenza negli ultimi dieci anni è quasi raddoppiata. Si calcola che ogni anno in Italia vi siano circa 14mila nuovi casi, con un aumento del numero di casi nella fascia di popolazione che va dai 15 ai 39 anni.

Tra le forme più diffuse di tumori della pelle segnaliamo:

  • Gli epiteliomi: cioè tutti i tumori benigni e maligni dell’epitelio, lo strato di cellule che ricopre la superficie esterna della pelle e la superficie interna di tutti gli organi cavi, comprese le ghiandole. Nel dettaglio, tra i più diffusi, troviamo gli epiteliomi baso-cellulari, che sono localizzate su testa e collo (80%), tronco del corpo (15%), braccia e gambe; e gli epiteliomi squamo cellulari, localizzati su labbro inferiorepadiglioni auricolari,cuoio capelluto, nasodorso delle manigenitali.
  • I carcinomi: cioè neoplasie di natura maligna che possono infiltrarsi all’interno dei tessuti e attaccare le regioni vicine o attaccare altri organi o tessuti attraverso il sangue o il circolo linfatico.
  • I melanomi: cioè tumori, spesso aggressivi, che si originano a livello della cute nelle aree più esposte alla luce del sole e possono partire dai nevi.

L’importanza della diagnosi precoce

Pertanto, in quest’ottica, diventa fondamentale procedere ad una diagnosi precoce che permetta allo specialista di individuare eventuali anomalie, evidenziando la differenza tra nevo e melanoma. La regola dell’ABDCDE è il protocollo privilegiato per la mappatura dei nevi. Con questo metodo si possono controllare: asimmetria, bordi irregolari, colore non omogeneo, diametro superiore a 6 millimetri (la dimensione massima di un neo), ed evoluzione.

Trattamento

Il trattamento chirurgico utilizzato per rimuovere questa tipologia di inestetismo è l’escissione chirurgica, con l’obiettivo di preservare la funzionalità e l’estetica della sezione trattata. L’intervento non è invasivo e non è doloroso e quindi difficilmente ci sarà necessità di antidolorifici. L’assunzione di un antibiotico potrebbe invece essere utile per ridurre al massimo il rischio di complicanze.

Per prenotare un consulto gratuito, è sufficiente compilare il form su questa pagina o chiamare al 339 208 6539.